No Matter What They Say

This is one of those posts about a topic you prefer pretending is nothing serious. At a certain point you decide it’s time to put it down, even if it makes you feel uncomfortable. I’ve dealt with self-image issues during most of my life, because I’ve always thought physical appearance and fashion are powerful means of self-expression, tools I’ve used to change myself and to try to show outwards my inner self. I’m a 39-year-old woman who knows herself pretty well and who knows how to deal with the traps of what is considered acceptable, trendy and so on. I usually ignore them or subvert them, but I know I can do it now that I’m an adult, because I know how to do it. What about a child who’s growing up? What about MY child, who’s starting to face these issues?

tumblr_lkm4zbPVAg1qzhvg4o1_500B has always been pretty confident: she knows what she likes, she knows what she wants to look like as an adult (she knows she wants to use all my nail polishes and make-up products ;)), but she’s starting to ask herself, my husband and me about body issues, which is perfectly natural. What worries me is the impact with others’ approach to the same issues. I don’t know, maybe it’s just me who is overthinking, but things she tells me about her pre-school mates leave me baffled. She used to spend most of her play time there with a girl friend; I don’t think they’ve ever been “best” friends, but they surely were very close. B spent some afternoons at her place and she did the same. Well, this girl sometimes models at local fashion shows, and B says she’s growing more and more interested in this; she often speaks about it and seems to care a lot about her physical appearance. Some time ago B told me they were not friends anymore, explaining the girl wanted to be the centre of the attention all the time and that she (B) didn’t want to end up being her sidekick. I became quite upset when B told me the girl’s aunt once gave her niece a “dieting candy” one day she took her to school. Being 5 = dieting candy??? Of course it wasn’t a dieting product, but maybe something sugar-free, yet I was appalled by the focus that the aunt put on the concept of dieting.

I’ve been reading a lot about this topic recently (I totally agree with this article, for example), which I consider particularly relevant because we know how important (and sometimes destructive) can be weight issues on children and adults alike. Now, I don’t care if B’s mate’s parents think it’s good and educational for their daughter to take part into fashion shows at such a young age (they’re the parents and I’m no one to question their decisions): the whole contemporary (Western and Eastern) culture is imbued with children’s adultification (and sexualization), but – I repeat – I’m no one to judge others. The point is that I don’t want B to think you must be skinny to be considered beautiful or accepted among the “cool ones”. Life – with all the (subliminal) messages on tv and magazines, not to mention the example coming from future friends – will surely put that in her face when she’s older, but why does the torment need to start now? Am I wrong in wanting to protect her from these issues now that she’s 5? She asked me about that “dieting candy” and I explained that it was just a sugarfree candy; I also explained that body categories and their division into cool/not cool is just a way people lacking self-confidence use to be accepted by others. Weight is just a number and, as such, doesn’t define who you are. I’m glad B has me as an example: I’m not thin and I’ve never been scale-obsessed. I’m plump, I’ve got black-to-white hair, I’ve got a shaved head and tattoos, and I desperately want my daughter to see me as an example, not of beauty, but of self-confidence, of someone who’s satisfied with her body even if she’s not a size 0. I feel responsible for the process of self-image construction she’s slowly going through, but what more can I do to help her? Maybe it’s just my sense of protection which would like to keep her far from disillusionment, from exclusion, from others’ teasings and mockings, from everything which made me feel sad and a loser when I was young. As a parent I feel scared and worried, but I know I’m not powerless, which is good. I keep on giving her positive messages and I think it’s important to talk to her about these issues; at the same time, I’d like to do more. Is it right for me to feel so responsible or should I let things go, because she needs to go through this process by herself? Maybe I’m taking this so seriously because I know what problems she’ll find on her path or because I’m worried of how she will consider me when she’s older. Who knows? I’ve always felt I’m a loser and I can assure you this is not a pose, because life has proven I’m such, but I don’t want to be such for her.

Advertisements

20 comments

    1. Il concetto di loser è effettivamente molto soggettivo. Forse mi sopravvaluto, ma penso che avrei potuto fare molto di più nella vita. Alla soglia dei 40 anni tiri due somme e capisci che non stai messa proprio una favola. Alla fine dei conti, però, siamo il risultato delle nostre scelte, quindi c’è poco da recriminare.

  1. I bet the title is from xtina’s beautiful

    But away from the title and into the topic i have alot of thoughts to share about this, since myself have struggled through body image issues and have got a 10 year old brother whos akwaredaly asking me about his appearance his weight constantly which is not okay he’s only 10 ur daughter is just 5

    Im coming back in a few with a long comment just thought id leave a quick one asap

    1. Hi Farah!
      Thanks for your comment. I agree: a 10-year-old boy obsessed over his appearance and weight is not ok, but I’m sure talking about body issues with him and sharing your own experience will help him to go through this moment.
      If you wish, please share some thoughts about this topic, which I think is very interesting indeed.

  2. Secondo me tu stai dando un esempio splendido a B. e ne farà tesoro senza ombra di dubbio. Detto questo però, B. farà il suo personale percorso di crescita, sperimenterà, sbaglierà, si arrabbierà e non sarà contenta fino a quando non troverà la sua strada, così come è successo a te. Tu puoi solo fornirle gli strumenti – ed è già tantissimo – dopodiché, toccherà a lei utilizzarli.

    Capisco il momento del “tirare le somme” e penso sia anche giusto pensare di non essere ancora arrivati all’obiettivo, ma ti prego Super non definirti “loser” perché non c’azzecca niente con te.

    1. Farà senz’altro il suo percorso di crescita, come è giusto che sia, ma io ho già l’ansia del “oddio, ho sbagliato tutto” o “avrei dovuto fare di più”.

      Ok, è ufficiale: mi sopravvaluti 😉

  3. I love this post! It seems like your B is in good hands and already has a strong personality (her views about her ex friend? Wow, very mature) and I wouldn’t be too worried about her.
    Btw, it’s very difficult for me too to see you as a “loser”… We all have regrets and make mistakes, but it’s normal. It’s a learning process and far from perfect. Life is what we make of it, they say – yeah well, not totally. And we all love ourselves a bit more. (Btw, I think you’re beautiful and cool and I’m sure B sees her mom that way as well! 🙂 )

    1. Oh, I actually don’t know how B sees me and I’m not sure I want to know that…
      “We all should love ourselves a bit more”: this is so true.

  4. Giusto oggi la mia collega mi diceva che è riuscita a far perdere 1 chilo a sua figlia di 8 anni grazie al latte di soia. Non sapendo cosa dire sono stata zitta, così lei si è affrettata a specificare che l’obesità viscerale è molto malsana.

    Io a 8 anni avevo le costole in vista, mi rifiutavo di mangiare e in famiglia tentavano in ogni modo di obbligarmi, in una malsana dinamica da manuale del futuro dca. Mi rifiutavo di mangiare per protesta, perché mia nonna uccideva gli animali in cortile con metodi orribili e perché mia madre mi voleva femminile, tranquilla e casalinga, mentre io pensavo solo allo sport.

    Ho sviluppato gran parte della mia immagine corporea intorno all’ideale dell’atleta, del corpo flessibile e tonico. Per me è stato simbolo di autoderminazione e di indipedenza. Quindi ho sempre cercato il tono muscolare con lo sport, anche quando è diventato evidente che il mio tipo fisico era più da mondina di Riso Amaro che da atleta olimpica. Alla fine il dca non mi neanche venuto.

    Non riesco proprio ad immaginare come sia il percorso inverso, dove la madre tenta di far dimagrire la figlia. E’ un po’ inquientate, per tutta la faccenda del nurturing.

    1. Obbligo/restrizione nei confronti del cibo portano comunque ad un rapporto conflittuale, quindi mi sento di condannare sia chi vorrebbe rimpinzare i propri figli come oche da fois gras, sia chi impone diete già durante l’infanzia (a meno che, ovviamente, non ci sia un problema effettivo di obesità, nel qual caso il bambino andrebbe fatto seguire da specialisti, e non messo sulla via del sacrificio perenne da una madre che non accetta la trippa infantile della propria pargola). Comunque concordo: madri che tentano di far dimagrire le figlie sono inquietanti, come dimostra il dibattito scatenato dal famigerato articolo di Dara-Lynn Weiss http://jezebel.com/5895602/mom-puts-7+year+old-on-a-diet-in-the-worst-vogue-article-ever.

      Non nego che la battuta sulla “caramella che fa dimagrire” mi ha fatto subito pensare a possibili futuri dca, spauracchio che ho cercato di mettere da parte in fretta. Ci tengo a precisare che la bambina/modella in questione è magra come un chiodo, quindi immagino che il messaggio della zia fosse “caramella senza zucchero per non ingrassare”, visto che lì c’è poco da dimagrire.

      1. Secondo me la conflittualità non è necessariamente un po’ problema, se per qualche motivo succede che ci sia conflittualità si cercherà di uscirne in modo costruttivo. Risolte le dinamiche di potere oggi io e mia madre siamo due donne normopeso che vanno spesso e volentieri a pranzo insieme.

        La mia collega mi inquieta ma una cosa mi sembra di capirla. Lei molto bella, molto curata, sempre infelicemente a dieta, teme che la figlia ingrassi e quindi passi la vita pure lei infelicemente a dieta.

        In effetti se mi guardo intorno, vedo che lo stile di vita dominante per le donne è “infelicemente a dieta”. Le alternative sono solo due: accettare il grasso, oppure essere magri in conseguenza ad altri fattori.

        Devo ammettere che la soluzione accettare il grasso mi mette un po’ a disagio, ma presto o tardi dovrò farlo anche io e me ne farò una ragione.

      2. Ah beh, ma se già si pone il problema che la figlia possa ingrassare a 8 anni, la sta già mettendo sulla strada dell’infelicità.

        Concordo sullo stile dominante della donna infelicemente a dieta. Per alcune penso sia semplicemente una posa (“le mie amiche sono a dieta e io non posso fare la voce fuori dal coro”), per altre purtroppo uno stile di vita. Fare una vita di rinunce e patimenti, di lotta senza quartiere al carboidrato, da forzate della palestra, proprio non fa per me. Nonostante sia stata molto magra da ragazza, ora accetto con serenità i chili in più che la gravidanza mi ha dato e che non ho voluto eliminare. A volte mi piacerebbe entrare nuovamente in una taglia 42, non lo nego, poi però mi passa 😉

  5. Obbligo/restrizione nei confronti del cibo portano comunque ad un rapporto conflittuale, quindi mi sento di condannare sia chi vorrebbe rimpinzare i propri figli come oche da fois gras, sia chi impone diete già durante l’infanzia (a meno che, ovviamente, non ci sia un problema effettivo di obesità, nel qual caso il bambino andrebbe fatto seguire da specialisti, e non messo sulla via del sacrificio perenne da una madre che non accetta la trippa infantile della propria pargola). Comunque concordo: madri che tentano di far dimagrire le figlie sono inquietanti, come dimostra il dibattito scatenato dal famigerato articolo di Dara-Lynn Weiss http://jezebel.com/5895602/mom-puts-7+year+old-on-a-diet-in-the-worst-vogue-article-ever.

    Non nego che la battuta sulla “caramella che fa dimagrire” mi ha fatto subito pensare a possibili futuri dca, spauracchio che ho cercato di mettere da parte in fretta. Ci tengo a precisare che la bambina/modella in questione è magra come un chiodo, quindi immagino che il messaggio della zia fosse “caramella senza zucchero per non ingrassare”, visto che lì c’è poco da dimagrire.

  6. Secondo me non la mette necessariamente sulla strada dell’infelicità. Io ho vissuto gli obblighi dell’infanzia (in particolare quelli alimentari) come ostacoli, complicazioni, fastidi, ma non credo che mi abbiano reso infelice.

    Voglio dire, le pressioni che le bambine subiscono (essere “femminili” invece che “maschiacci sportivi”, essere docili, essere graziose, essere magre…) sono pessime sovrastrutture sociali, però non producono automaticamente vittime.

    Secondo me il disagio delle donne per il corpo è qualcosa di più complicato di una difficoltà a rapportarsi con il modello dominante. Secondo me è una somatizzazione. Un qualche problema viene introiettato e poi espresso come problema del corpo, per potergli dare una forma.

  7. It’s so wonderful to have connected with you and your blog. This post was indeed very touching and full of honesty. Your little B is very lucky to have you both as parents and to have your guide. You and I are the same age and I can assure you it does take a long time to feel better in one skin. I think its a process especially as an evolving woman. I don’t think you are taking this “too serious”. Its important to be aware of this because of the sign of the times & world we live in.
    This was such an inspiring read today. Thanks for sharing!

    Maria

  8. Ho letto tutto e mentre leggevo pensavo “ad avercene di mamme con te, Teresa!” me compresa. Sono sincera, l’ho pensato veramente. E poi sono arrivata in fondo e ho letto l’ultima frase…no, non ci siamo proprio. Non siamo noi a “sopravvalutarti”, sei tu che ti sottovaluti! E va bene fare due conti e tirare le somme della propria vita, ma fidati Teresa, se tu sei una “loser” io come mi dovrei definire?! (e non sto qui ad elencarti i miei fallimenti personali e non)
    Da quel vedo e che percepisco seguendoti da anni ormai, penso che tu stia facendo un meraviglioso “lavoro” con B. Se una mamma attenta, premurosa (questo post lo dimostra ampiamente) hai tanti interessi, li coltivi con passione…pensa a quanto avrai da trasmetterle quando sarà un po’ più grande! Probabilmente B attraverserà le fasi che tutte noi abbiamo vissuto da adolescenti, credo sia normale e fisiologico, ma sono certa che avendo te non solo come esempio ma anche come supporto, l’affronterà alla grande. Penso a quelle ragazzine figlie di donne perennemente a dieta, lampadate, shatushate, con labbra rifatte e sempre in bilico su tacco 12…ecco, per loro provo pena infinita, veramente.

  9. Ok, just 3 things:
    1. B. is smart. Actually is one of the (very) few human beings under 10 I felt happy to have a conversation with. She will look around, ask herself some questions and try to figure it out what’s all the buzz about self-image. She will stagger a little walking her own path but eventually, thanks to your awesomeness (I’m not kidding, you are awesome) and her own judgement she will have an opinion, a very clear and independent one. I trust that little lady and, believe me, I don’t usually trust children. You talk with your daughter, you tell her your thoughts and listen to what she has to say. You know what? keep up the excellent work you’re doing.
    2. As you know I don’t have children but my mum’s a teacher (primary school) an she has a Zero-Tolerance Policy on little girls dieting, sporting designer clothes and judging others if they don’t (yeah, it happens). She is against any attitude related to any truly fucked adult projection on little humans. Well, my mama is right and so are you.
    3. Everyone of us is a bit of a loser but that’s good you know ’cause I don’t believe in the always-winning-people.
    You are a beautiful beautiful woman, an amazing mum,a very fine blogger and one of my favourite people in the world and, just so you know, this post is one of the reasons why.

  10. Veramente spezza il cuore, sentire un bambino che ti riferisce una cosa del genere, ma è bellissimo sapere che ci sono genitori come te a rispondere cose ragionevoli. Capisco la tua preoccupazione (se io fossi mamma sarei probabilmente ansiosa il triplo) ma è probabile che B se la caverà bene: come diceva Garnant, proprio confrontandosi con modi di essere diversi – e discutibili – si finisce per affermare la propria personalità, e lei, con il tuo esempio di autonomia di pensiero, ha le basi per non essere una personcina facilmente influenzabile.
    Baci a entrambe xxx

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s